Per la realizzazione di una brochure avevo bisogno di una immagine piuttosto ingrandita di una formica. Su Google Immagini non trovai nulla che mi soddisfacesse così, navigando, mi sono imbattuto nel blog di Sara Lando “Ghettofotografia”, ora non più raggiungibile, e trovai questa tecnica molto ingegnosa.

E’ molto semplice. Basta un obbiettivo fisso e un corpo macchina.

 

Io uso un vecchio 50 mm. Nikkor apertura f 2:0 in modo che prenda più luce possibile e una datata D70 Nikon. L’mportante è che l’obbiettivo abbia la ghiera delle aperturee.

Apertura massima f 2:0

 

Per scattare la macro appoggiamo l’obbiettivo al corpo macchia dalla parte della lente con l’innesto a baionetta rivolto verso l’esterno.

Ora settiamo la macchina fotografica in modalità Manuale con un tempo di scatto abbastanza elevato per evitare al minimo il mosso. A questo punto avviciniamo l’oggetto da fotografare fino alla messa a fuoco e scattiamo. Anche in questo caso valgono le regole per la profondità di campo. Alla massima apertura minore profondità e messa a fuoco, viceversa ad apertura minima maggiore profondità, migliore messa a fuoco e immagine più chiusa (buia).

Se necessario, per una migliore riuscita dell’immagine, possiamo aiutarci con il flash che riduce il tempo di scatto e compensa la mancanza di luce.